Recensione: ASUS N76


asus_n56_3_design

Il prodotto che vi presentiamo oggi è un notebook ASUS di fascia medio-alta che si colloca nel segmento dei desktop-replacement, ovvero dei portatili dalle dimensioni generose, che permettono di non avere un PC fisso, in quanto offrono tutte le opportunità di un desktop. Proprio questo è l’ASUS N76: un potente notebook da 17.3″ FullHD in grado di far tremare i PC di fascia media ed entry-level.

Abbiamo già detto che lo schermo è un 17.3″, quindi passiamo velocemente in rassegna tutti gli altri componenti: il processore è un Intel Core i7-3630QM da 2.4GHz, sono disponibili ben 16GB di RAM DDR3 a 1600MHz e due hard disk da 750GB: abbiamo quindi in totale 1.5TB per lo storage. La scheda grafica è una nVidia GeForce 740M affiancata all’integrata Intel Graphics HD4000 mentre la batteria è una 6 celle da 5200 mAh. Il sistema operativo è l’ultimo di casa Microsoft: Windows 8.

Ben fornito a livello di dotazione: troviamo un manuale d’uso del prodotto, un manuale più improntato all’utilizzo di Windows 8, l’alimentatore diviso in due parti, il subwoofer portatile SonicMaster, un legaccio per i cavi, un panno per la pulizia dello schermo e ovviamente la batteria.

La scocca è realizzata in plastica e metallo bicolore: brunito per il retro del monitor, grigio chiaro per la parte che rimane a contatto con le mani durante l’utilizzo. Troviamo invece la plastica nella parte sottostante, quella a contatto col tavolo, la scrivania, le gambe, a seconda dell’utilizzo. La scritta ASUS che si illumina sul retro dello schermo dà un tocco estetico decisamente accattivante e ben risalta con il brunito del metallo. Unico neo della robusta scocca: le ditate si vedono; per molti non sarà un problema, ma ad altri può dare fastidio. Nulla di irrimediabile: passando un panno si riporta il metallo alla sua precedente lucentezza in un batter d’occhio.

Lo schermo da 17.3″ LCD retroilluminato LED ha una risoluzione di 1920×1080 pixel, quindi FullHD. La retroilluminazione è buona e permette un utilizzo senza problemi anche all’aperto o comunque in situazioni di elevata luminosità. L’angolazione massima di visualizzazione, secondo quanto dichiara ASUS, è di 150° in orizzontale e 120° in verticale. Non possiamo che confermare, la visibilità è davvero ottima praticamente da ogni angolazione.

Visto che parliamo di schermo, un collegamento che dobbiamo fare rimanendo nell’ambito della multimedialità riguarda il lettore Blu-Ray: anch’esso è un prodotto di prima categoria che vi permetterà di godervi i vostri film preferiti in alta qualità anche sul vostro portatile da 17 pollici. Noi l’abbiamo testato con “Il Padrino – Parte III” e sono state tre ore decisamente ben spese. Il cassettino del lettore che esce (a molla, come in molti notebook), quando si preme il relativo tasto, è leggermente più solido della media.

Il software ASUS preinstallato offre varie possibilità di personalizzazione per quanto riguarda la multimedialità (equalizzazione, gestione audio in generale, ma anche selezione dei colori dello schermo, ecc). Inoltre si rivela più che valido per la riproduzione di qualsiasi contenuto: chi acquista questo notebook, non ha certo necessità di software aggiuntivo per l’home entertainment.

Il subwoofer SonicMaster a cui prima abbiamo accennato, è uno dei pezzi forti di questo portatile: senza, sembra un notebook di prima categoria. Ma dopo aver collegato il subwoofer, sembra trasformarsi in un notebook di prima categoria collegato ad un impianto hi-fi. Il volume, già alto, aumenta di molto ed i bassi riescono ad essere sufficientemente profondi (ricordiamo che si tratta pur sempre di un cilindretto alto una decina di centimetri). Ottimo per l’home entertainment, sia con la musica che coi film. Il tutto con un ingombro minimo: infatti questo subwoofer altro non è che un piccolo cilindro da collegare alla destra del notebook tramite l’apposito cavetto e da piazzare sulla stessa base di appoggio del portatile. Ricordiamo che l’audio di questo notebook è “by Bang & Olufsen ICEPower”, garanzia di una qualità davvero elevata.

La tastiera retroilluminata, oltre a dare quel tocco di eleganza tipico dei MacBook, permette di utilizzare l‘ASUS N76 fino a notte fonda – o comunque in luoghi bui - senza la necessità di accendere altre luci. I quattro livelli di luminosità (0 – spento, 1 – poco luminoso, 2 – media luminosità, 3 – alta luminosità) si rivelano molto comodi e facilmente intercambiabili grazie ai tasti funzione F3 ed F4. Ottima la scelta di inserire il tastierino numerico a destra della tastiera: d’altronde su un 17 pollici sarebbe stato un peccato non averlo! Ritornando in argomento, i tasti sono ben spaziati tra loro e risultano soft al tatto. Questo è sicuramente un aspetto positivo, visto che la tastiera integrata è pur sempre lo strumento principale di input in un notebook. Un altro aspetto molto positivo riguarda i tasti funzione: tanti tasti hanno una seconda funzionalità e questo velocizza molte operazioni che eseguiamo spesso.

Parliamo ora del touchpad: ampio, utile e di facile utilizzo, offre funzionalità multi-touch: con due dita si effettua lo scorrimento (scroll) ed il pinch-to-zoom; con tre dita invece si passa da una una finestra all’altra. Il tutto in modo ordinato, semplice ed intuitivo.

Il tasto ASUS Istant Keys (ovvero il tasto metallico di sinistra subito sotto al monitor, mentre quello di destra è il tasto power), programmabile a proprio piacimento, offre una comoda scorciatoia per i nostri software più usati. Inoltre garantisce un impatto estetico decisamente elevato al prodotto, offrendo un design elegante e simmetrico. La webcam integrata si comporta decisamente bene, in linea con la qualità dell’intero prodotto.

Il Wi-Fi è b/g/n: in situazioni in cui altri prodotti hanno poco segnale, l’ASUS N76 sarà in grado di farvi navigare senza il minimo problema. E’ presente inoltre il modulo Bluetooth 4.0 per favorire la compatibilità con i dispositivi più moderni. Per quanto riguarda gli altri ingressi, sul fianco destro troviamo l’uscita per il subwoofer, il lettore Blu-Ray, due USB 3.0, uscita per le cuffie ed ingresso per il microfono, oltre al Kensington lock. Sul lato sinistro abbiamo invece l’ingresso per l’alimentazione e la carica della batteria, un’uscita VGA, l’ingresso LAN, un HDMI e due USB 3.0. Sono quattro, quindi, le porte USB di ultima generazione (3.0). Sul frontale, proprio sotto il touchpad, troviamo il lettore di schede 3-in-1 (SD/ MS/ MS Pro/ MMC).

La funzionalità ASUS Instant On, sicuramente degna di nota, permette di riprendere l’esecuzione in un paio di secondi, dopo aver lasciato il notebook in sospensione. All’inizio eravamo un po’ perplessi, ma dopo una giornata di utilizzo ci siamo convinti: serve davvero, soprattutto se si è già abituati ad usare la funzione di sospensione su Windows.

La batteria, anche grazie alla funzionalità ASUS Power4Gear Battery Saving, ha superato il nostro test a pieni voti: in uso medio-intenso (misto di navigazione, benchmark e riproduzione Blu-Ray, il tutto con luminosità e audio al 100%, Wi-Fi acceso e subwoofer collegato) ha raggiunto circa le 3 ore. Ottimo tempo per un 17.3”! Ricordiamo che il merito di questo risultato va anche all’hardware di ultima generazione con consumi molto più limitati rispetto ai componenti di qualche anno fa. Inoltre, nonostante il notebook monti una valida nVidia GeForce 740M, essa risulta spesso inutilizzata, in quanto un sistema automatico effettua lo switch tra la scheda grafica dedicata e quella integrata (Intel HD 4000, in questo caso). Durante sessioni di gaming, con la GeForce attiva e le risorse ben sfruttate, notiamo ovviamente che la batteria si scarica molto più velocemente: in questo caso suggeriamo di tenere il notebook collegato alla rete di alimentazione.

Anche i gamers più incalliti ed i lovers del framerate devono ammettere che l’ASUS N76 fa il suo lavoro a dovere, per essere un notebook di fascia media: abbiamo provato diversi giochi, ma ci siamo soffermati su “TrackMania Forever”: con quasi tutti i dettagli al massimo, gli fps sono rimasti sempre abbastanza alti e la giocabilità è sempre stata molto buona.

Come è possibile notare anche dai benchmark, l’ASUS N76 si comporta davvero molto bene in ogni situazione. Ottimo soprattutto per la multimedialità, riesce a sostituire appieno un PC fisso senza troppe esigenze. Ci sentiamo quindi di consigliare vivamente questo prodotto a chi ha bisogno di un PC versatile, multimediale, innovativo, con cui poter anche giocare, e necessita di una certa mobilità.

 

PUOI ACQUISTARE L’ASUS N76 DA ALEX.IT

Recensione a cura di Marco Mirabelli

Commenti

commenti